25
June - 2019
Tuesday
SUBSCRIBE TO NEWS
SUBSCRIBE TO COMMENTS

Umbria Birra

Bere birra in Umbria

Archive for the ‘In evidenza’ Category

ASPETTANDO FERMENTUM

Posted by Paolo On April - 8 - 2019ADD COMMENTS

Fermentum Umbrae IV si avvicina ed è ormai giunto il momento di alzare il sipario sul programma degli eventi e sulla lista delle birre e dei birrifici presenti dal 3 al 5 maggio presso la Facoltà di Agraria di Perugia. Annuncio quindi con piacere che l’11 aprile alle ore 21:00 presso l’Elfo Pub di Perugia sarà finalmente fatta piena luce sulla manifestazione di birra più importante in Umbria, con la presentazione ufficiale del programma dei workshop, delle conferenze e la lista dei birrifici aderenti. Chi fosse interessato quindi non deve fare altro che recarsi all’Elfo dove potrà anche degustare in anteprima alcune delle birre presenti.
Per chi sfortunatamente non potrà essere presente, anticipiamo alcune delle novità di quest’anno “rubate” agli organizzatori. Il filo conduttore della manifestazione quest’anno è il luppolo e quindi la conferenza principale sarà sull’utilizzo di questo fondamentale ingrediente con interessanti approfondimenti sulla ricerca italiana. Anche parte di workshop sarà impostato sull’utilizzo (o sul non utilizzo) del luppolo, compreso gli aspetti degustativi. Altre interessanti incontri avranno invece come argomento l’uso dell’uva nella birrificazione e le birre a bassa fermentazione. Questo solo per citare alcuni degli incontri di contenuto tecnico. Chiaramente per noi l’evento più importante è la premiazione del concorso organizzato da noi e incentrato sulle birre luppolate di stile belga, la cui premiazione si terrà sabato 4 maggio alle ore 18:30. Ricordo che le iscrizioni sono aperte fino al 24 aprile e quindi, chi si fosse perso l’annuncio, è ancora in tempo (chiaramente se ha nella propria produzione birre rientranti tra quelle previste dal regolamento).

Tra i birrifici presenti segnalo Birra Perugia, Birrificio Italiano con il progetto Clabarrique, Altotevere, Canediguerra, Brasseria delle fonte, Ca da Brado, Canediguerra, Vetra e molti altri, anche di interesse internazionale di cui giovedì sarà data conferma.

Questo solo per dare un quadro parziale. Chi volesse approfondire non deve fare altro che andare all’Elfo l’11 aprile.

Paolo

Sono anni che ci pensiamo. E’ vero, nasciamo come homebrewer, però la passione per la birra e la voglia di divulgarne la cultura ci ha spinti ad uscire dai confini a volte un po’ stretti della produzione casalinga per affrontare orizzonti più ampi. E’ nato così il primo corso sulla birra di UmbriaBirra, 6 appuntamenti dove in maniera leggera ed informale, come del resto richiede la nostra bevanda preferita, parleremo di come nasce la birra, di come valutare quello che abbiamo nel bicchiere con accenni di storia e geografia birraria. Dal 25 febbraio, il lunedì in collaborazione con i ragazzi del Cult, che metteranno a disposizione la loro sode in Via Carlo Goldoni, 8 (zona universitaria) e prepareranno anche ottimi assaggi di cibo da abbinare alle birre che ogni sera saranno proposte. Il costo di ogni serata è di 15 euro compreso gli abbinamenti di cibo. Il pacchetto completo di 5 lezioni più la vista finale al birrificio costa 70 euro. Assolutamente da non perdere.

Il programma:

25/02: gli ingredienti
11/03: la produzione
01/04: birre tedesche
15/04: birre anglosassoni
06/05: birre belghe
13/05: visita in birrificio

Paolo

Fermentum Umbrae IV- il concorso

Posted by Paolo On February - 1 - 2019ADD COMMENTS

Ci siamo. Anche se ci troviamo nei giorni più freddi dell’anno, incomincia a sentirsi aria di primavera. E’ ripartita infatti la macchina che ci porterà a Fermentum Umbrae, la nostra manifestazione di birra preferita, che si terra dal 3 al 5 maggio a Perugia al Complesso Monumentale di San Pietro, presso la facoltà di Agraria. Anche questa edizione si preannuncia ricca di eventi, laboratori e soprattutto tanta ottima birra. Ne riparleremo diffusamente nei giorni e nelle settimane a venire. Intanto ho il piacere di annunciare il grande concorso per homebrewer che abbiamo organizzato in collaborazione con i ragazzi di Fermentum. Quest’anno celebreremo il matrimonio tra Belgio e luppolo focalizzandoci su 4 tipologie: BELGIAN IPA, HOPPY SAISON, HOPPY BELGIAN ALE, HOPPY TRIPEL. Per i premi abbiamo ragionato in grande riservando per il vincitore un premio davvero unico: un soggiorno a Bruxelles per due persone per due notti con visita programmata a Brasserie de la Senne e Brasserie Cantillon! Succulenti anche i premi di consolazione, un buono da 50 euro in materie prime e materiali per homebrewer e l’abbonamento per un anno alla rivista Fermento Birra.
Sotto l’evento con il dettaglio. Per ogni chiarimento contattateci su facebook o per email info@umbriabirra.org. Sotto il regolamento.

…………………………………

Fermentum Umbrae IV. Il concorso.
In occasione della manifestazione Fermentum Umbrae, che si terrà a Perugia dal 3 al 5 maggio 2019, l’associazione Umbria Birra e il Fermentum Umbrae – Festival Perugino delle Birre Artigianali, organizzano un concorso birrario dedicato a tutti gli homebrewer.I partecipanti si sfideranno nella realizzazione di una birra in stile belga, ma caratterizzata da una importante presenza di quello che sarà il protagonista di quest’anno, il luppolo.
Gli stili di riferimento da seguire saranno i seguenti;
BELGIAN IPA
HOPPY SAISON
HOPPY BELGIAN ALE
HOPPY TRIPEL

I volenterosi homebrewer che volessero partecipare al concorso, dovranno iscriversi obbligatoriamente utilizzando il modulo che troveranno al seguente link:

https://goo.gl/forms/y1cAmUkBfxz5rkQR2

entro e non oltre il giorno 24 aprile 2019 e dovranno poi far pervenire almeno 1 litro di birra in un minimo di due bottiglie entro e non oltre le ore 09:45 del 04 maggio 2019 presso la sede del concorso.
Non sono ammessi keg. Lo stesso giorno la giuria, composta da birrai, professionisti ed esperti del settore, giudicherà e premierà le tre birre migliori.
Le birre potranno essere spedite anche a mezzo posta o corriere presso il Complesso Monumentale di S. Pietro(UNIPG-Dipartimento di Agraria), specificando bene all’esterno del pacco la scritta “Concorso Fermentum Umbrae IV”. Il rischio di perdite, danneggiamento o ritardi rimane a carico di chi spedisce. Le birre potranno anche essere consegnate a mano nei giorni precedenti presso la portineria del Dipartimento. In caso di esigenze particolari, la consegna potrà essere concordata contattando gli organizzatori tramite email su info@umbriabirra.org o telefonicamente al 3488740994.
All’esterno delle bottiglie dovrà essere scritto in maniera chiara e leggibile il numero di concorso, che sarà comunicato via mail a seguito dell’iscrizione, e lo stile di riferimento.
La quota di iscrizione è di 5€ per ogni birra (da pagare tramite paypal – info@umbriabirra.org – o da allegare in busta alle birre spedite), senza limite alle birre presentate.

Le migliori tre birre saranno così premiate;

Primo Premio; Soggiorno a Bruxelles per due persone per due notti, da effettuare a settembre (data da concordare con gli organizzatori) con visita programmata a Brasserie de la Senne e Brasserie Cantillon.
Secondo Premio; Buono omaggio di € 50,00 da spendere presso uno dei fornitori online di prodotti per la birrificazione.
Terzo Premio; Abbonamento alla rivista Fermento Birra
La premiazione del concorso avverrà alle ore 18:00 di sabato 4 Maggio durante la manifestazione Fermentum Umbrae IV.

Per ogni dettaglio potete contattare i seguenti indirizzi:
info@umbriabirra.org
fermentumumbrae@gmail.com

La spedizione delle birre comporta l’accettazione delle regole sopra riportate.

INDIRIZZO CONSEGNA;
Fermetum Umbrae
Complesso Monumentale di S.Pietro
Borgo XX Giugno, 74,
06126 Perugia PG

 

Tutti verso la stessa méta…

Posted by Filippo On November - 19 - 2018ADD COMMENTS

Metti una serata a cena con dei vecchi amici, davanti ad una buona birra…metti che gli amici sono “i ragazzi” del rugby Gubbio, con cui in gioventù hai condiviso numerose battaglie sul campo da gioco…e metti che la birra che stai bevendo è una belgian dark strong ale, nata dalla collaborazione proprio del Rugby Gubbio con un emergente birrificio della zona, il birrificio del Catria…e metti che alla serata partecipa pure un mito per tutti gli amanti del rugby come Vittorio Munari (per chi non lo conoscesse…andatevelo a cercare!!), che ha arricchito la serata con alcuni aneddoti davvero unici…ed ecco che ti ritrovi nel bel mezzo della triade perfetta: amici, birra e sport… rugby, in particolare.

Quella a cui ho avuto il piacere di partecipare, lunedì scorso, è stata la cena di presentazione di un semplice ma interessante progetto a marchio “Associazione Sportiva Rugby Gubbio” e “Birrificio del Catria”: in poche parole il birrificio produrrà una birra che sarà poi imbottigliata con il marchio dell’Associazione, la quale si occuperà poi anche della promozione e della commercializzazione. Il ricavato andrà a finanziare i lavori di rinnovamento delle strutture adiacenti il campo sportivo, spogliatoi, club house ecc. ed ha quindi anche lo scopo di rafforzare e consolidare quello che già attualmente è un punto di ritrovo e aggregazione per molti giovani, e non solo.

Ma andiamo con ordine. Mentre penso che per il Rugby Gubbio non ci sia bisogno di presentazioni, per chi volesse comunque approfondire l’eugubin pensiero sulla palla ovale può visitare la loro pagina facebook, per il Birrificio del Catria, invece, penso meriti fare perlomeno un breve incipit. Ci troviamo infatti di fronte ad una realtà piuttosto giovane, anno di nascita 2014, alle pendici del Monte Catria, dal quale prende il nome, al confine tra Marche ed Umbria, nella città di Cantiano (PU). Il birrificio nasce all’interno dell’Azienda Agricola della famiglia Corrieri. L’Azienda ricava dalle proprie coltivazioni più del 70% dell’orzo che utilizza per la realizzazione delle birre, potendo beneficiare quindi dell’appellativo di birrificio agricolo. La produzione è affidata al Mastro birraio Pietro Corrieri, ed attualmente vengono prodotte 6 birre diverse: la Ukre (stile kolsh), la Tekvia (stile American Pale Ale), la Grabovia (stile Oatmeal Stout), la Ecce Triticum (stile American Wheat), la Herietus (stile D.I.P.A.) e la Klavernia, una Belgian Dark Strong Ale da 7,5 gradi alcol, corpo ben pronunciato e prodotta con malti pilsner, carafa, weizen e crystal. Proprio quest’ultima birra ha colpito in modo particolare gli atleti del Rugby Gubbio che durante quello che immaginiamo possa essere stato un difficilissimo panel test presso il ristorante dell’Azienda, l’hanno eletta come prescelta per essere imbottigliata con il marchio “RUGBY GUBBIO 1984”, e con un nome, “SIN BIN”, che si ispira ad un particolare momento di una partita di rubgy, in cui per un fallo grave e/o antisportivo, il giocatore che lo ha commesso riceve un cartellino giallo e deve scontare un’espulsione temporanea di 10 minuti. Qualcuno ha ipotizzato che il nome sia stato scelto, dopo attenta analisi, perché …”sta birra in 10 minuti te manda de fòri”…

Inutile dire che l’aspetto di promozione associativa che riveste il progetto ha destato da subito il mio interesse, vista la vicinanza con la nostra realtà. Iniziative in questo senso sono importanti, e meritano secondo me l’appoggio e la condivisione di tutti.

Per chi volesse saperne di più, scrivete pure un commento a questo post, sarà mia cura farvi avere maggiori informazioni prima possibile.

Filippo

Che venerdì!

Posted by Paolo On November - 15 - 2018ADD COMMENTS

Come ho già scritto altre volte, la scena birraria umbra si sta muovendo rapidamente e non è difficile trovare nei pub e locali di riferimento, eventi ed appuntamenti di rilievo. Ci sono però dei giorni, come venerdì prossimo, 16 novembre, dove purtroppo sarebbe necessario riuscire a sdoppiarsi o anche a farsi in tre. Scrivo purtroppo perché qualcosa si dovrà perdere e francamente ci dispiace.

- Iniziando dal sud, l’evento sicuramente di punta è il laboratorio con degustazione che la Prosciutteria del Corso ha organizzato con le birre di Extraomnes, che sarà tenuto nientepopodimenoche dal titolare del birrificio, Luigi D’Amelio, in arte Schigi. Per quelli che non lo conoscono, Schigi è sicuramente uno dei personaggi più influenti della scena italiana. Si può amare od odiare ma rimane sempre uno dei motori del mondo della birra. Siccome, da quello che mi risulta, è la prima volta che viene in Umbria, se siete in zona l’evento è assolutamente da non perdere. La degustazione con cena inizia alle 20:00 ed i posti sono limitati.

- Salendo di qualche chilometro, al Beericcio a Spello, serata con il birrificio Renton di Fano, con abbinamenti di birra e pesce. Evento anche questo di assoluto interesse dalle ore 20:00.

- Salendo ancora, a Perugia all’Elfo Pub, grande serata con il Birrifico Alveria ed il suo birraio direttamente dalla Sicilia. Un occasione unica per bere le birre di questo birrificio che negli ultimi tempi ha guadagnato l’attenzione degli appassionati e che altrimenti, anche per ragioni geografiche, è difficile trovare. Dal tardo pomeriggio per tutta la serata.

- Quasi a confine con la Toscana, serata di festa al birrificio Altotevere di San Giustino, che festeggia i due anni di vita. Due anni in cui si è rivelato come una delle realtà più interessanti del panorama umbro. Dalle 18:00 presso il birrificio.

Credo che sia più che sufficiente. Segnalo comunque in chiusura che venerdì 23 novembre a Ebè in via Settevalli, ci sarà una serata tap takeover con il birrificio Mukkeller di Porto Sant’Elpidio ed i suoi birrai. Chi conosce il birrificio sicuramente non si farà sfuggire l’occasione.

Paolo

Ottobre, tempo di castagne, vino e … birra. Se infatti una volta, passato il caldo estivo si perdeva interesse per la nostra bevanda preferita, adesso anche in autunno c’è un po’ in tutta Italia un proliferare di manifestazioni che hanno come protagonista la birra. Basti pensare ad Eurhop, probabilmente il più importante evento in Italia, che si terrà a Roma dal 12 al 14 ottobre. Anche a casa nostra invece, dopo un’estate abbastanza povera, qualcosa si sta muovendo. Dal 4 al 6 ottobre infatti a Todi si terrà Oktuder Fest, occasione per incontrare alcuni dei piccoli (e non solo) produttori dell’Italia centrale che nella bellissima Piazza del Popolo allestiranno gli stand per farci conoscere le loro produzioni. Questo l’elenco dei birrifici presenti, probabilmente incompleto:

La Gramigna (PG)
Podere Acqualoreto (TR)
Tuderte (PG)
Osiride (PG)
Flea (PG)
Il Gobbo (AN)
Millecento (AN)
Mastio (MC)
MSC (PG)
East Side Brewing (LT)
San Felice (PG)
San Biagio (PG)

per un totale di oltre 60 birre che spaziano nelle tipologie e stili più diversi.

Se avete paura di non orientarvi in questa ampia scelta, non vi preoccupate, vi aiutiamo noi. Sabato 6 e domenica 7, dalle 18 alle 19 terremo infatti una degustazione guidata, dove proveremo a spiegarvi le caratteristiche di alcune delle  birre presenti e come nasce quello che trovate nel bicchiere.Il costo è soltanto di 5 euro e per la prenotazione potete contattare direttamente gli organizzatori della manifestazione alla pagina dell’evento, oppure potete contattarci tramite email a info@umbriabirra.org oppure sulla nostra pagina facebook.
Vi aspettiamo

Re Birraiolo 2018 e altri eventi

Posted by Paolo On August - 19 - 2018ADD COMMENTS

Come ho già scritto, in questi anni di frequentazioni birrarie, ho conosciuto molti homebrewer nessuno però è come Filiberto. Innanzitutto perché lui non è un homebrewer, ma, come tiene a precisare, un “birraiolo”. E poi perché con lui il concetto di “fatto in casa” assume un altro valore, visto che credo sia uno dei pochi che produce in proprio tutti gli ingredienti, maltando il proprio orzo e raccogliendo il luppolo lunghe le rive del Menotre.

Con molto piacere annuncio quindi che il 25 agosto si terrà a Belfiore di Foligno, su iniziativa di Filiberto, dalle ore 19:00 in poi presso i locali dell’Unione Sportiva Berlfiore, la terza edizione di “Re Birraiolo” concorso per homebrewer birraioli umbri e non solo, che vedrà sfidarsi i più agguerriti produttori casalinghi. La formula è semplice. Ad ogni partecipante verrà assegnato una postazione dove oltre a proporre le proprie creazioni, si dovrà convincere la giuria popolare di essere per qualche motivo il migliore. Durante la serata, la proloco di Belfiore preparerà anche prelibatezze culinarie per accompagnare le bevute. Il primo premio consiste nello ”SCETTRO del RE BIRRAIOLO” rifacimento di una vecchia pala Irlandese per mescolare trebbie alta 100 cm.  Assolutamente da non perdere: se siete birraioli perché è un’occasione per stare insieme, e se siete solo curiosi perché si tratta di una festa che non vi deluderà.

Per dettagli e partecipazione  consultate la pagina facebook dell’evento, quella di Filiberto la nostra. Oppure scrivete a info@umbriabirra.org

Visto che veniamo da un periodo di inattività, approfitto per segnalare altre due manifestazioni di birra che si svolgono lo stesso fine settimana in Umbria.

A Città di Castello in occasione delle Fiere di San Bartolomeo anche quest’anno per la seconda volta si terrà dal 24 al 26 agosto “Se non sono malti” piccola rassegna di birrifici locali a cavallo tra Umbria, Marche e Toscana. I birrifici presenti sono:
- Venere
- Collesi
- Fortebraccio
- 100 Litri
- La Luppolaia
- Cocca Mia

In Piazza Fanti dalle ore 16,00 alle 24,00.

A Foligno invece dal 23 al 26 agosto si terrà Cotta o Cruda,  Guardando il programma, anche quest’anno si conferma la china discendente che, per quanto riguarda la birra, ormai ha preso la manifestazione. Per carità, ottimo il cibo ed interessanti gli eventi collegati, ma la nostra bevanda preferita in realtà gioca un ruolo ormai da spalla. La ”rassegna internazionale della birra artigianale” così come viene chiamata dagli organizzatori, ha poco di internazionale ed a dire il vero anche poco della vera rassegna. A parte alcuni birrifici che ormai partecipano per tradizione, la selezione è veramente limitata e i pochi nomi non italiani (è presente ad esempio un generico “birra tedesca” e un altrettanto generico “birrificio ceco”) danno più l’impressione di essere messi come riempitivo che per vera scelta. Dispiace perché è un’occasione persa. Incuriosisce comunque positivamente però la presenza di Ales e Co. (che comunque non è un birrificio come scritto sul programma ma un distributore ed importatore), nome che per la birra inglese rappresenta una garanzia.

Staremo a vedere.

Paolo

La bella stagione è ormai alle porte e con il caldo, che già inizia a farsi sentire, aumenta la voglia di bevande che pongano fine all’arsura della canicola estiva. Chi  è stato a Catania sa che una bevanda che è presente in ogni piazza e vicolo della città è il Seltz limone e sale, bevanda molto semplice ma incredibilmente dissetante, le cui origini non sono ben note e che ormai si può definire una bevanda tradizionale della città. In fondo si tratta solo di acqua gassata (anche se il seltz in realtà è diverso), un cucchiaino di sale e limone spremuto al  momento.

Per chi si stesse chiedendo, trattando in questo spazio solo ed esclusivamente di birra, cosa centri il seltz sale e limone con la la nostra bevanda preferita, il collegamento è presto detto. Birra Perugia e MC77, due birrifici che non hanno bisogno di presentazione, hanno realizzato una birra ispirata alla bevanda catanese. La Saaz, questo il nome della birra, è come prevedibile una gose con l’aggiunta di limone che si preannuncia come la birra ideale per la prossima estate e sarà presentata domani 31 maggio dalle ore 19:00 in poi presso Società Anonima, il ristorante – bar – enoteca di Via Bartolo a Perugia, antica sede della  Società Anonima Birra Perugia. Saranno presenti anche Matteo e Cecilia di MC77 e la degustazione è prevista in abbinamento con una focaccia al sale realizzata appositamente dalla cucina di Società Anonima con la mortadella artigianale Bonfatti (Presidio Slow Food). Il costo della degustazione è 10 euro, ma per i più curiosi, con altri 5 euro, è possibile prosegure la degustazione con il  mezcal di Italiana Liquori & Spiriti.

Da non perdere.

Paolo

Con un po’ di ritardo, comunico che alla fine, le birre per il laboratorio sono state selezionate. Giovedì della scorsa settimana la giuria, costituita da noti birrai (Luca Mestrini di Birra Perugia, Samuele Cesaroni di Brasseria della Fonte),  e appassionati (Davide Cucco, Luca Cottini e Gianluca Pettirossi – gli ultimi due intervenuti solo su alcune categorie), riuniti all’Elfo Pub, hanno emesso il verdetto. Questa la classifica:

 

Complimenti ai 6 vincitori che sabato 28 aprile 2018 alle 18:30 potranno fare assaggiare ai partecipanti al workshop le loro creature confrontandole con le altre. Se volete prenotarvi, ci sono ancora alcuni posti. Per info e prenotazioni, compilate il form predisposto dagli organizzatori.

Per il resto ci sarebbe molto altro da dire. Maggiori approfondimenti li potrete trovare sulla pagina facebook della manifestazione.
Volevo solo mettere l’accento ancora una volta sul livello delle birre. E non mi riferisco solo ai birrifici. Chiaro che i nomi presenti sono da soli una garanzia e sicuramente farei un torto a molti se citassi un nome sopra gli altri anche se, a dire il vero, sono molto curioso di scoprire quali magie di Cantillon porterà Florian Van Roy. Secondo me però ci sarà molto da divertirsi anche negli stand dei vari distributori e locali presenti alla manifestazione. Ad iniziare dal Moeder Lambic, che sicuramente porterà quanto di meglio il Belgio sa offrire; da provare poi assolutamente  i cask e i sidri di Beerfellas e la selezione di birre statunitensi fatta dalla Cantina brassicola digitale. Sosta obbligata poi da Quei bravi ragazzi, che offrirà una selezione delle birre di Montegioco, per finire alle spine dell’Elfo Pub, che ha preannunciato una selezioni di birre stellari.

Peccato che siano solo due giorni.

Paolo

 

A Perugia c’è Fermentum (III)!

Posted by Paolo On April - 4 - 2018ADD COMMENTS

Voglio tornare sul Fermentum, il festival che si terrà il 28-29 aprile presso la facoltà di Agraria a Perugia, perché l’evento è vicino, il programma è ormai completo e la lista dei birrifici definitiva. Per chi si fosse perso la novità, Fermentum è l’evento sulla birra organizzato dai ragazzi dello IAAS, l’associazione che unisce gli studenti di agraria di varie parti del mondo, che vuole coniugare l’aspetto degustativo, tipico di tutti i festival di birra, con la parte scientifica più consona allo spirito divulgativo proprio del luogo in cui si tiene la manifestazione. La caratteristica di Fermentum, che lo differenzia nettamente da altre manifestazioni in Italia, è che le due parti in realtà si integrano bene a vicenda e si prospettano entrambi di ottimo livello.

I birrifici e in generale i soggetti che selezioneranno le birre per il festival, sono  infatti di assoluta qualità e in alcuni casi di livello internazionale. Tornerò nei prossimi giorni più nel dettaglio su alcuni nomi, ma intanto la lista completa la potete leggere sotto. Per adesso mi limito a segnalare, oltre ad alcuni dei migliori birrifici italiani, tra cui Elvo,  il cui birraio Josif Vezzoli è fresco vincitore del titolo di birraio dell’anno,  nomi come Cantillon, Chimay  o la selezione del Moeder Lambic di Bruxelles che da noi onestamente si vedono raramente.

Ecco la lista:

-Birra DieciNove
-Birra Baladin
-Beerfellas beerstribution (cask and cider)
-Birrificio BioNoc’
-Birra dell’Eremo
-Microbirrificio “Birra Elvo” Graglia
-Birra Perugia
-Birrificio Artigianale Foglie d’Erba
-Quei Bravi Ragazzi (selezione Birra Montegioco)
-Birrificio Rurale
-Brasseria della Fonte
-Ca’ del Brado
-Brasserie Cantillon - Moeder Lambic Fontainas
-Cantina Brassicola Digitale (selezione USA)
-Chimay (selezione bottaia)
-Elfo Pub Perugia
-Birrificio Italiano / Klanbarrique
-DRACO’S CAVE

Per quanto riguarda l’aspetto scientifico-divulgativo, ci saranno due conferenze, una al giorno, ed una serie di workshop di sicuro interesse per homebrewer e per chiunque volesse approfondire alcuni aspetti specifici dell’arte di fare la birra.

Per quanto riguarda le conferenze, quella di apertura rappresenta da sola un evento che giustificherebbe il viaggio a Perugia. Si parlerà infatti della cultura, propagazione e selezione dei lieviti per i birrifici, con relatori di livello internazionale. Infatti, oltre agli accademici della Facoltà di Agraria, che parleranno della raccolta, conservazione e catalogazione dei lieviti vinari, interverranno anche il responsabile del laboratorio di analisi di Chimay e Troels Prahl, il responsabile del settore ricerca di White Labs, forse il marchio  più conosciuta al modo nell’ambito dei lieviti!

Il giorno dopo, da non perdere, è la conferenza sui birrifici agricoli che vedrà protagonista anche Teo Musso,il cui nome non necessita spiegazioni.

Per quanto riguarda poi gli ottimi workshop, anche qui segnalo il nostro corso-concorso sulla caratterizzazione data dai lieviti di sabato alle 18:30, e non soltanto perché siamo tra gli organizzatori, ma perché si prospetta veramente molto interessante.

Questo il programma

Workshop sabato 28 Aprile
ore 14:30 Costruirsi un propagatore per lievito (Mario Quark Di Bacco)
ore 16:30 Fermentazioni spontanee (Truk Drake)
ore 18:30 Caratterizzazione della birra da ceppi di lievito differenti (Il forum della birra/Umbriabirra)

Workshop Domenica 29 Aprile
ore 14:30 Autocontrollo in birrificio (Nicola Coppe)
ore 16:30 “Per qualche cellula in più” (Vincenzo Follino)

Nei prossimi giorni altri dettagli.

Paolo